Mercato immobiliare
mercato immobiliare 2016

Mercato immobiliare non residenziale: andamento e prezzi.

Aggiornamento al II trimestre 2016.

Dopo qualche articolo sull’Agente Immobiliare (se non hai letto il mio articolo precedente clicca qui), torno a parlare del mercato immobiliare non residenziale.

Si parla sempre di case, case e case ed io invece, ti parlo di capannoni, uffici e negozi. ūüėÄ

Che il mercato immobiliare sia in ripresa ormai è sulla bocca di tutti, ma chi mi segue da tempo sul Blog, sa benissimo che io di ripresa ne parlo ormai dal 2014; ecco alcuni articoli che ho scritto a riguardo: Ripresa Mercato Immobiliare e Mercato immobiliare in ripresa: come mi devo comportare?.

Nonostante tutto, per√≤ le persone quando mi incontrano mi fanno sempre le stesse domande: “Allora, come va il mercato?” “Si sta riprendendo?”, “Si vende qualcosa?”

Ma se i dati, che ora ti mostrerò, sono positivi perché la gente ancora pone le stesse domande? Perché non percepiscono il miglioramento del mercato immobiliare?

A quest’ultime domande ti risponder√≤ alla fine dell’articolo.

Andamento del numero delle compravendite.

II trimestre 2016

Copyright 2016 – StefanoTronca.com

Dall’infografica si nota abbastanza bene la crescita del numero delle compravendite del commerciale, ma anche i segni positivi di terziario e produttivo che viaggiano a braccetto per numero delle compravendite.

I valori di crescita sono i seguenti:

  • Commerciale
    • I Trimestre 2016 rispetto al 2015: +12,64%
    • II Trimestre 2016 rispetto al 2015:+11,43%
  • Terziario
    • I Trimestre 2016 rispetto al 2015: +1,33%
    • II Trimestre 2016 rispetto al 2015: +12,78%
  • Produttivo
    • I Trimestre 2016 rispetto al 2015: +6,56%
    • II Trimestre 2016 rispetto al 2015: +22,28%

Il rapporto tra compravendite e prezzi.

Nel rapporto dell’Agenzia delle Entrate non c’√® una tabella anche sull’andamento dei¬†prezzi per gli immobili non residenziali, per√≤ possiamo dare una sbirciata sul comportamento per le abitazioni visto che, nonostante il volume sia differente, seguono un andamento¬†piuttosto simile.

I prezzi sono cresciuti fino al 2005-2006, con un trend iniziato dagli inizi degli anni 2000.

Dal 2006 i volumi delle compravendite di abitazioni subiscono una decisa flessione (finisce il periodo delle cosiddette “vacche grasse” nonch√© della bolla immobiliare) mentre i prezzi proseguono al rialzo, anche se con tassi in rallentamento, fino al 2008.

Nel 2009, mentre le compravendite alternano semestri di perdita a lievi rialzi, i prezzi si attestano su valori piuttosto stazionari.

Nel 1¬įsemestre 2012, una forte contrazione delle compravendite, che riduce gli scambi di quasi un quarto rispetto al 2011, si riflette sui prezzi con un primo segno pi√Ļ deciso al ribasso.

Seguono semestri negativi sia per le compravendite sia per i prezzi fino al 2014, anno in cui solo gli scambi di abitazioni tornano a risalire.

Nel 2015 il balzo delle compravendite del secondo semestre si riflette sul livello prezzi che, dopo sette semestri di ininterrotta flessione, rimane sostanzialmente stabile allo 0,3%.

Nel primo semestre del 2016 a fronte di un rialzo deciso delle compravendite di abitazioni i prezzi hanno subito nuovamente un calo che raggiunge quasi il punto percentuale.

Ecco qua la frase che dà le risposte promesse prima: i prezzi non crescono insieme alle compravendite, anzi hanno addirittura una piccola tendenza al ribasso.

L’andamento dei prezzi √® quello che viene maggiormente percepito dalla popolazione, in quanto lo vive in prima persona; la popolazione non lavora su quantit√† (solitamente), ma sul valore della singola trattativa; infatti che sia acquirente o venditore, locatore o conduttore, sono a stretto contatto con il prezzo e non con il numero delle compravendite come potrebbero esserlo le Agenzie Immobiliari, Notai, ecc…

Si ricordano benissimo quanto hanno speso per acquistare la loro abitazione o quanto pagano di affitto ed è piuttosto semplice fare dei confronti con la situazione attuale di mercato, visitando un qualsiasi portale immobiliare.

L’andamento delle compravendite, invece, per loro √® un dato sconosciuto o quasi, ma √® di fondamentale importanza per conoscere quale sar√† il futuro dell’andamento dei prezzi.

In conclusione, essendo che la percezione comune è basata sul prezzo, i Clienti mi continuano a fare le stesse domande.

La risposta quindi è il mercato immobiliare è ripartito, ma per i prezzi dobbiamo ancora aspettare.

Per un maggiore approfondimento, vi invito a leggere il rapporto delle Agenzia delle Entrate in merito al II Trimestre 2016.

  • mercato immobiliare 2016
    Mercato immobiliare

    Mercato immobiliare non residenziale: andamento e prezzi.

    In questo articolo analizzo l'andamento del mercato immobiliare relativamente a numero di compravendite e prezzi, per gli immobili non residenziali. Analisi relativa al II Trimestre 2016.
Load More Related Articles
Load More By Stefano Tronca
Load More In Mercato immobiliare

Check Also

Coronavirus: il mercato immobiliare risentirà di questo periodo?

Il coronavirus sar√† un “disastro nucleare” o una ...

Cerca

About Me


Ciao, sono Stefano Tronca e sono un Agente Immobiliare. Aiuto gli Imprenditori, mediante la consulenza, a trovare, vendere e locare l’immobile per la propria Azienda. Lo faccio definendo una strategia, creata appositamente per il Cliente.

Iscriviti alla Newsletter

ENTRA A FAR PARTE DELLA COMMUNITY!

Riceverai comodamente nella tua casella di posta elettronica i nuovi Articoli e non solo...;)

Odio lo SPAM quanto te. La tua email sarà tenuta al sicuro.